• SERIE A
     
    7^ GIORNATA 
     
  •                                                                                                                                      FOTO di Mario RIVA
  •                                                                                                                                      FOTO di Mario RIVA
  • Udine riparte dal Vicenza
  • La Union Udine Rugby Fvg beffata dal Riviera
  • Le foto della partita Tarvisium - Udine

Valsugana passa nel finale per 19-18

Niente da fare per la Rugby Udine, costretta a cedere per 19-18 nell'ultimo match stagionale sul campo di Valsugana. Il risultato, maturato nel finale grazie a una meta tecnica assegnata ai padovani, punisce i tuttineri, scavalcati in classifica dai padroni di casa di un solo punto. I friulani chiudono così il torneo al secondo posto, ma con la certezza di disputare ancora un altro campionato di serie A.

Udine parte aggressiva e conquista subito un calcio, piazzato da Barella (0-3). Si continua a lottare, ma nessuna delle due squadre riesce a concretizzare le occasioni. Il risultato si sblocca nuovamente al 21', con la meta di Caporello, non trasformata (5-3). Finale ricco di emozioni: prima Udine si porta nuovamente in vantaggio, grazie al calcio trasformato da Barella al 28' (5-6), ma poi c'è spazio per la realizzazione dei padovani che lanciano Stevens in meta; Paluello centra i pali per il 12-6. Il primo tempo si conclude così con i padroni di casa in vantaggio.

Nella ripresa i friulani scendono in campo determinati a ribaltare l'esito della gara e, al 5', trovano la meta con capitan Di Pietro; Barella non trasforma per il 12-11. Dieci minuti più tardi ci pensa Folla a schiacciare il pallone oltre la linea di meta; Barella non sbaglia per il 12-18. Proprio mentre Udine sembra avere in mano il controllo del match, l'arbitro assegna una meta tecnica al Valsugana; Paluello trasforma, regalando così la vittoria ai padovani per 19-18.

IL COMMENTO. “E' stata l'ennesima partita persa all'ultimo secondo – analizza coah Maurizio Teghini – e ovviamente sono dispiaciuto, perchè abbiamo buttato al vento un'altra gara. Anche oggi, infatti, non siamo riusciti a gestire i momenti difficili, subendo nel finale. Non eravamo al meglio della condizione, complici i tanti acciacchi. Archiviamo il campionato in seconda posizione, ma con la consapevolezza di aver comunque lotatto fino alla fine”.

Valsugana Rugby Padova v Rugby Udine 19-18 (primo tempo: 12-6, punti 4-1)
Marcatori: 1' cp Barella; 21' mt Caporello, 28' cp Barella, 31' mt Stevens tr Paluello, 45' mt Di Pietro, 55' mt Follla tr Barella, 80' mt Tecnica tr Paluello
Valsugana Rugby Padova: Paluello, Frezza, Lisciani, Calderan, Ferro (68' Dell'Antonio), Stevens (70' Giacon), Giallongo (64' Memo), Girardi, Sironi, Chimera, Scapin, Trevisan (64' Ramirez), Varise (53' Paparone), Pivetta, Caporello. A disposizione: Sanavia, Mazzini, Rampazzo. All. Roux - Faggin
Rugby Udine: Zorzi, Rigutti, Gerussi, Properzi, D'Anna, Barella, Curtolo, Folla, Di Pietro, Bagolin, Picchietti, Giannangeli (47' Macor), Capoccia (74' Taddio), Corbanese, Cibin (67' Schiavon). A disposizione: Taddio, Beltrame, Schiavon, Muzzi, Groza, Macor, Marconato, Del Tin. All. Teghini
Arbitro: Vincenzo De Martino
Note: Campo bagnato, Spettatori circa 500
Cartellini Gialli: 63' Folla, 74' Barella

StampaEmail

Udine a Valsugana per difendere il primato

Dopo aver conquistato la matematica salvezza in serie A, la Rugby Udine 1928 punta a chiudere nel migliore dei modi il girone play-out, difendendo il primato sul campo della seconda della classe Valsugana, distanziata di due punti in classifica. L'appuntamento con l'ultimo turno stagionale è per domenica 24 aprile alle 15.30, sotto la direzione dell'arbitro Vincenzo De Martino.

“In settimana abbiamo lavorato, nonostante qualche acciacco”, spiega coach Maurizio Teghini. “L'obiettivo è quello di fare del nostro meglio: serve un ultimo sforzo per onorare fino in fondo il torneo. Sappiamo che molto dipederà da noi, dalla nostra testa e dal nostro approccio e spero potremo affrontare la gara con lo spirito giusto. Valsugana è una formazione che conosciamo bene. Gioca un rugby aggressivo e, sul loro campo, non è mai facile vincere”. Buone notizie dall'infermeria per Dan Groza, che dovrebbe essere recuperato per il match, mentre andranno valutati gli altri infortunati.

StampaEmail